Visto su:
CoinWireICOBenchCoinCodex
Scrivi una Recensione
Scrivi una Recensione
Nothing Found
Contiene contenuti promozionali
TradersBest.com / Come fare Staking

Come fare staking: guida e funzionamento

Sapere come fare staking nel 2024 è una competenza particolarmente utile, soprattutto se si opera nel mondo delle criptovalute e della blockchain. Si tratta di un processo molto particolare che permette di ottenere rendimenti più o meno elevati, a seconda delle offerte disponibile, e contribuire contemporaneamente al miglioramento della blockchain di riferimento.

Scopri di più

Come ormai sappiamo, fare trading può essere particolarmente rischioso, soprattutto se non si adotta la giusta mentalità e non si conoscono le varie tecniche di analisi. Viceversa, lo staking di criptovalute può essere molto meno rischioso e, nel lungo termine, può portare grandi benefici sotto diversi punti di vista.

In questa guida vedremo nel dettaglio non solo cos’è lo staking e come funziona, ma anche su quali broker è possibile effettuare questo tipo di operazioni.

Staking di criptovalute: cosa significa

Il termine staking deriva dal verbo inglese to stake, ovvero “puntare, scommettere”. Nel mondo delle criptovalute, mettere in staking significa detenere e bloccare una certa quantità di criptovalute o di asset digitali all’interno di una rete blockchain per migliorarne l’efficienza, la sicurezza e le funzionalità.

I partecipanti, in questo caso, sono conosciuti con il nome di “stakers”, e si impegnano a bloccare i loro token come garanzia in cambio di ricompense. In poche parole, l’utente punta i propri fondi bloccandoli e, in cambio del suo contributo, che consente appunto di migliorare le prestazioni della rete, riceve delle ricompense sotto forma del token nativo della blockchain interessata.

Facendo un esempio pratico, se Marco blocca i suoi Ethereum (ETH) sulla piattaforma Lido Finance, riceverà in cambio una certa quantità di ETH come ricompensa, con un importo variabile a seconda del numero di partecipanti totali.

Gli stakers vengono chiamati anche validatori, a seconda della rete di riferimento, in quanto il loro contributo consente di validare un maggior numero di transazioni, aumentando al contempo il livello di sicurezza.

Questa pratica è associata principalmente ai sistemi blockchain con meccanismo di consenso proof-of-stake (PoS) o delegated proof-of-stake (DPoS), ma esistono numerose varianti che cambiano il base al meccanismo utilizzato.

Differenza tra staking e mining

Lo staking e il mining sembrano simili, ma hanno numerose differenze sia in termini di meccanismo sia in termini di dispendio di energia. Innanzitutto, il mining è un processo specifico delle blockchain Proof-of-Work (PoW) come Bitcoin, e consiste nella competizione tra i cosiddetti “miners” che devono risolvere problemi algoritmici per convalidare le transazioni, guadagnando in seguito una ricompensa.

Dato l’elevato quantitativo di attività, vengono utilizzate numerose risorse computazionali, anche perché servono hardware specifici chiamati ASIC se si vuole competere in maniera efficace per validare le transazioni. La sicurezza, in questo caso, deriva appunto dal costo dell’energia, che rende poco convenienti gli attacchi da parte degli aggressori.

Lo staking, come già anticipato, appartiene invece alle reti Proof-of-Stake (PoS) e prevede dei validatori che puntano le loro criptovalute usandole come garanzia per ricevere delle ricompense. In questo senso, il dispendio di energia è molto inferiore in quanto non viene richiesto nessun hardware per partecipare al processo di consenso. La sicurezza, in questi casi, è data proprio dalla partecipazione finanziaria, in quanto nessuno vuole perdere i propri fondi.

In sintesi, le differenze principali tra staking e mining sono:

  • Consenso: il mining viene usato dalle reti PoW e lo staking dalle reti PoS;
  • Risorse: il mining consuma molta energia, mentre lo staking permette semplicemente di bloccare i token;
  • Sicurezza: il mining è sicuro grazie al lavoro computazionale, mentre lo staking si basa su incentivi economici;
  • Ricompense: il mining distribuisce spesso le ricompense ad un piccolo gruppo di miners, mentre lo staking risulta più uniforme.

Come fa lo staking ad aumentare la sicurezza?

Lo staking permette di aumentare la sicurezza di una blockchain aumentando il numero di fondi totali presenti al suo interno. Difatti, per poter penetrare all’interno della rete, un hacker dovrebbe avere fondi sufficienti per effettuare il cosiddetto “51% attack”.

L’attacco del 51%, conosciuto anche come double-spending, può verificarsi nelle blockchain con meccanismo di consenso proof-of-work (PoW come Bitcoin. In sintesi, un singolo individuo o un gruppo di utenti ottiene il controllo di oltre il 50% della potenza computazionale totale (hashrate) della rete, creando delle falle nel network e minando la sicurezza dell’intera rete.

I meccanismi PoS, invece, ricorrono allo staking che, grazie alla sua natura di “contributo-ricompensa”, permette di avere un quantitativo così elevato di fondi che sarebbe quasi impossibile per un singolo individuo o un piccolo gruppo fare breccia nel network.

Vantaggi del processo di staking

Il processo di staking contribuisce alla sicurezza della rete sotto diversi aspetti. Innanzitutto, l’incentivo economico in cambio del blocco dei fondi permette da un lato di avere una garanzia per la rete, mentre dall’altro incita gli staker a comportarsi in modo onesto, offrendo allo stesso tempo la possibilità di ricevere ricompense passivamente.

Difatti, chi effettua attività dannose o sospette, viene penalizzato ricevendo meno ricompense. Inoltre, i validatori vengono selezionati per creare nuovi blocchi nella rete a seconda della quantità di criptovalute detenute. Di conseguenza, il validatore ha un forte interesse nel mantenere la sicurezza della rete, in quanto rischierebbe di perdere i suoi fondi se qualcuno riuscisse a penetrarla.

In questo senso, capita che i validatori si mettano in competizione tra loro per validare le transazioni impegnandosi al massimo. Ciò offre all’utente finale un’esperienza sicuramente migliore e, al contempo, permette di migliorare le performance dell’intera rete, massimizzando l’uptime e l’affidabilità.

Questo permette anche di avere una partecipazione continuativa e attiva alla rete, diversamente dalle entità centralizzate in cui si vedono spesso figure svogliate e poco motivate nel loro lavoro. D’altronde, i sistemi PoS e DPoS vantano un elevatissimo livello di decentralizzazione, garantito appunto dal sistema di staking.

Difatti, i validatori sono dislocati in ogni parte del mondo, dando vita ad una rete completamente decentralizzata e difficile da attaccare, in quanto non viene affidato tutto ad una singola entità o un piccolo gruppo, ma ad un grande insieme di utenti interessati a mantenere un alto livello di sicurezza.

Come fare staking: primi passi

Lo staking non è un processo così immediato, in quanto bisogna avere a portata di mano tutti gli strumenti necessari per farlo in modo corretto. Come prima cosa, bisogna possedere:

  • un wallet di criptovalute come Metamask;
  • delle criptovalute all’interno del wallet.

Il portafoglio può essere creato direttamente su Metamask o tramite i siti ufficiali dei wallet di proprio interesse. Per depositare dei fondi all’interno del wallet, si possono usare piattaforme come Binance, affidabile e sicuro per la detenzione e lo spostamento di criptovalute.

Basta avere i fondi su Binance e inviarli all’indirizzo del portafoglio appena creato. Una volta seguiti questi passaggi, bisogna recarsi nelle apposite piattaforme di staking, che sono praticamente infinite. Tra le più gettonate ci sono:

  • PancakeSwap;
  • Lido Finance;
  • Harvest.Finance;
  • Yield Yak;
  • Rocket Pool.

Ognuna di queste permette di mettere in staking determinate criptovalute, a seconda della loro natura e della blockchain utilizzata. Chi opera con criptovalute gettonate come Ethereum può usare senza problemi Lido Finance, che ha riscosso un enorme successo negli ultimi anni grazie all’innovativo processo di Liquid Staking.

Dall’altro lato, chi opera spesso su reti come BSC per i propri token $BNB, può bloccare i fondi su PancakeSwap, che vanta una lunga storia alle spalle per i suoi servizi di staking e farming.

Com’è facile intuire, l’intero processo può essere complicato e si possono fare molti errori con le varie reti. Un metodo più è usare i migliori broker di crypto trading per fare staking in tutta comodità.

Come fare staking su Binance

Se non vuoi avere a che fare con operazioni complicate e vuoi evitare di perdere i tuoi fondi durante i vari trasferimenti attraverso la blockchain, sappi che puoi utilizzare piattaforme intuitive e sicure come Binance, leader indiscusso per la compravendita di criptovalute.

Basta accedere all’apposita sezione “Earn” e, a seconda delle proprie necessità, selezionare la soluzione di tuo interesse. Potrai bloccare criptovalute gettonate come BNB, ETH, BTC, ADA, KDA e LTC, ma anche criptovalute appena lanciate sul mercato.

In linea di massima, se decidi di imparare come fare staking su Binance, è bene sapere che il blocco dei propri fondi può variare dai 7 ai 180 giorni, a seconda delle soluzioni messe a disposizione della piattaforma. Chiaramente, maggiore è il lasso temporale, maggiore sarà il guadagno ricevuto alla fine del processo.

In genere le percentuali sono calcolate su base annua (APR o APY) e possono andare dallo 0,5% fino a punte di oltre il 30% se sono previste offerte particolari. Come già anticipato, spesso le percentuali variano a seconda del numero di partecipanti, ma in questo caso variano anche a seconda delle previsioni fatte da Binance.

Inoltre, vengono considerati i seguenti elementi:

  • quanti token il validatore ha in staking;
  • da quanto tempo il validatore sta facendo staking;
  • numero di token totali in staking;
  • il tasso di inflazione;
  • altri fattori.

Ovviamente, sottolineiamo che a prescindere dal numero di ricompense, farà poi fede il valore corrente del token interessato.

eToro staking: come funziona

Anche sulla piattaforma di eToro lo staking è molto facile da attuare, in quanto essendo un broker semplificato e pensato anche per gli utenti principianti le procedure sono studiare per evitare errori e consentire a tutti di ottenere rendimenti passivi in modo sicuro.

I rendimenti vengono pagati ogni mese, e rimangono proprietà dell’utente anche durante il periodo di blocco, visto che il broker non utilizza i fondi per ulteriori investimenti sui mercati.

Gli utenti eToro idonei a ricevere ricompense di staking sono coloro che possiedono uno degli asset supportati per questo tipo di operazione. Per crypto come Cardano (ADA) e Tron (TRX), gli idonei sono i residenti nel Regno Unito registrati su eToro a partire dall’8 febbraio 2022, insieme a tutti gli utenti di eToro USA.

Per calcolare le ricompense, viene eseguito uno snapshot giornaliero alle ore 00:00 GMT e, a seconda del proprio bilancio, si otterrà un certo quantitativo in rendimenti. Poi, a fine mese, viene eseguito il calcolo totale di ogni snapshot, e si procede alla distribuzione dei guadagni secondo l’importo medio giornaliero detenuto dall’utente.

Di conseguenza, se sei indeciso su quanto investire in criptovalute per fare staking su eToro, il consiglio è quello di definire un importo unico da non prelevare o sbloccare durante il mese, in modo da non perdere parte delle ricompense in fase di distribuzione.

Binance
4.9/5
Binance Recensione
Si applicano T&C, 18+
Visita l’Operatore
ActivTrades
4.8/5
ActivTrades Recensione
Si applicano T&C, 18+
Visita l’Operatore
IG
4.8/5
IG Recensione
Si applicano T&C, 18+
Visita l’Operatore

Domande frequenti su come fare staking

Fare staking di criptovalute è sicuro?

Fare staking di criptovalute è un processo abbastanza sicuro da un punto di vista tecnico, sia che venga eseguito in piattaforme decentralizzate sia nel caso in cui ci si affidi ad un broker. Nel primo caso, però, bisogna tener conto del rischio di attacchi hacker e di errori durante i vari trasferimenti attraverso la blockchain, anche se i guadagni sono mediamente maggiori. Nel secondo caso, molte piattaforme offrono coperture in cambio di rendimenti un po’ più bassi.

Quanto si guadagna con lo staking?

È molto importante sottolineare che fare staking non significa guadagno sicuro, in quanto il valore delle ricompense potrebbe variare nel tempo vista la volatilità del mercato crypto. Tuttavia, per fare una stima delle ricompense, può essere utile sapere che queste vanno in media dall’1% a punte di oltre il 10-15%, con alcuni momenti particolari in cui le percentuali di interesse possono raggiungere importi a 3 cifre, anche se in questi casi la volatilità è estremamente elevata.

Dov’è consigliabile fare staking di criptovalute?

Tutto dipende dalle proprie capacità: chi vuole fare staking in modo semplice può optare per broker di crypto trading come Binance, Coinbase ed eToro. Diversamente, i più esperti possono usare piattaforme decentralizzate come Lido Finance o PancakeSwap.

Conclusioni

Abbiamo visto come fare staking e quali sono tutti gli elementi da tenere in considerazione prima di eseguire questo tipo di operazioni. Ribadiamo nuovamente che seguire le suddette strategie non porta un guadagno garantito, ma consente comunque di accumulare criptovalute in vista di rialzi di mercato nel lungo termine.

Difatti, anche se il controvalore delle crypto depositare potrebbe essere inferiore dopo aver ricevuto gli interessi, il numero di criptovalute detenute sarà maggiore e, in caso di un nuovo rialzo del prezzo, queste avranno un controvalore sicuramente più alto.

Non ti resta che leggere le altre guide su TradersBest e scoprire tutte le migliori strategie di trading online, così da scegliere a seconda delle tue esigenze!

Migliori Siti CFD
ActivTrades
4.9/5
IG
4.9/5
FP-Markets
4.9/5
Skilling
4.9/5
Capital.com
4.8/5
Ricevi le ultime notizie e promozioni via email + il nostro eBook gratuito
Crypto-eBook-EN
Nessuno nasce Professionista del Trading. Iscriviti ora per ricevere il nostro eBook gratuito “Guida al trading di Criptovalute” (in Inglese) e ricevi la newsletter di TradersBest.com con le ultime notizie di trading, offerte e recensioni dei broker!

Con la registrazione, darai il consenso a TradersBest.com ad inviarti periodicamente newsletter con offerte interessanti via e-mail. Questo consenso può essere revocato in qualsiasi momento.
Ricevi le ultime notizie e promozioni via email + il nostro eBook gratuito
Nessuno nasce Professionista del Trading. Iscriviti ora per ricevere il nostro eBook gratuito “Guida al trading di Criptovalute” (in Inglese) e ricevi la newsletter di TradersBest.com con le ultime notizie di trading, offerte e recensioni dei broker!

Con la registrazione, darai il consenso a TradersBest.com ad inviarti periodicamente newsletter con offerte interessanti via e-mail. Questo consenso può essere revocato in qualsiasi momento.
Operare con prodotti finanziari comporta un elevato rischio per il tuo capitale, in particolare quando si tratta di prodotti con leva finanziaria come i CFD. I CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdita del capitale proprio a causa della leva finanziaria.
Tra il 74% e l’89% degli account di investitori al dettaglio perde denaro nel trading dei CFD.
È importante valutare se si comprende il funzionamento dei CFD e se si è disposti a correre l’alto rischio di perdere il proprio capitale.
Tutti i contenuti presenti sul sito hanno unicamente scopo educativo. Dato il carattere unico della situazione finanziaria di ciascun utente, i prodotti e i servizi recensiti potrebbero non essere adeguati alle esigenze di tutti i lettori. Non forniamo servizi di consulenza finanziaria, consigli di investimento o intermediazione, né raccomandiamo o consigliamo individualmente l’acquisto o la vendita di particolari azioni o titoli. Le informazioni relative alle performance di asset finanziari possono variare rispetto al momento della loro pubblicazione. Le prestazioni passate di titoli, azioni e criptovalute non sono indicative delle prestazioni future.

Questo sito utilizza Cloudflare e aderisce al Programma di Navigazione Sicura di Google. Abbiamo adattato le Linee Guida sulla Privacy di Google per garantire la massima sicurezza dei tuoi dati in ogni momento.
×
Your Bonus Code:
The bonus offer was already opened in an additional window. If not, you can open it also by clicking the following link:
Vai all'Operatore